Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

TAP posa i primi tubi offshore nelle acque albanesi

04 aprile 2019

Fier, Albania. Il 30 marzo TAP ha posizionato la prima parte del gasdotto offshore in Albania. La testa del gasdotto ha raggiunto il punto 0, dove la sezione offshore si unisce a quella onshore.

 

Saipem, che è il contractor di TAP per l’ingegneria, il procurement, la costruzione e l’installazione della sezione offshore, ha usato la nave posatubi Castoro 10. I tubi d’acciaio sono stati saldati a bordo della nave, situata a 1,4 chilometri dalla spiaggia. Dopo aver testato le saldature, i tubi sono stati posati sul fondale, poi la prima sezione del gasdotto, lunga 1,8 chilometri, è stata trascinata fino al punto di approdo nei pressi di Fier.

La nave Castoro 10, lunga 139 metri e larga 36 metri, continua ora a posare tubi in acque albanesi meno profonde, mentre si procederà con l’installazione del cavo in fibra ottica e con la ricopertura del tubo sul fondale marino e sulla terra ferma.

TAP ha avviato i lavori della sezione offshore del gasdotto nell’ottobre 2018. Il tratto offshore, che collega le coste albanesi a quelle italiane, è lungo 105 chilometri. I tubi saranno posati sul fondale del Mare Adriatico: 37 chilometri nelle acque territoriali albanesi e 25 nelle acque territoriali italiane; i restanti 43 chilometri ricadono invece in acque internazionali.

Il gasdotto toccherà la profondità massima di 810 metri sotto il livello del mare. In tutto saranno utilizzati circa 9.000 tubi, con un diametro di 90 centimetri ciascuno e con un peso complessivo di circa 100.000 tonnellate.